McCormick, Digital Signage… Da annusare!

Sapevate che il Digital Signage può coinvolgere anche l’olfatto? Sembra impossibile ma è proprio così! A testimoniarlo è McCormick con l’installazione nei suoi punti vendita di display touchscreen per creare engagement e aumentare le vendite.

McCormick in America è sinonimo di spezie ed una vasta gamma di condimenti con cui dare un tocco saporito e personale ad ogni ricetta. I clienti lo sanno e quando entrano in un punto vendita World of Flavors difficilmente ne escono a mani vuote. Vuol dire però anche che, complice la situazione sfavorevole del mercato, comprano solo ciò che è strettamente necessario, senza indugiare troppo su prodotti che potrebbe essere interessante provare ma che effettivamente non usano abitualmente in cucina. Come incrementare allora le vendite?

Quello che serve è offrire un’esperienza nuova, avranno pensato le alte sfere aziendali, con la quale innalzare il livello di coinvolgimento degli acquirenti; si può puntare sulla creazione di valore intangibile o di divertimento, per allungare la permanenza del consumatore nel negozio ed indurlo a comprare anche prodotti che non aveva inserito nella lista della spesa.

Per il consumatore testare il prodotto è importante; non basta più vederlo a portata di mano sullo scaffale, è necessario toccarlo, annusarlo, capirne l’essenza; ecco allora che il Digital Signage viene in aiuto di McCormick, veicolando attraverso dei display touchscreen più contenuti. Da World of Flavors se ne trovano cinque:

Guess What Spice, un gioco che coinvolge la sfera olfattiva spruzzando un piccolo quantitativo di aroma nell’aria e facendo indovinare al cliente di quale spezia si tratta;
The Flavorprint Experience, un test che parte dai cibi preferiti del cliente e arriva a determinare un profilo che inquadri i suoi gusti e, di conseguenza, le spezie ideali per ritrovare in ogni piatto gli accostamenti preferiti;
Flavor Explore, un viaggio alla scoperta delle spezie localizzandole in tutto il pianeta grazie ad un mappamondo virtuale;
Demo, una dimostrazione pratica di come utilizzare le spezie in cucina;
Our Story, un racconto fotografico della storia aziendale, locale e delle spezie.

La tecnologia Digital Signage apre così la strada ad un’esperienza basata sul tatto e potenziata dall’olfatto.

Considerazioni

Il marketing olfattivo o emotivo sensoriale non è di certo una novità nel mondo del retail: da anni infatti Abercrombie & Fitch, fino a pochi anni fa leader nel mercato dell’abbigliamento sportivo ed escursionistico, diffonde nei propri negozi una fragranza caratteristica per creare un’atmosfera unica e memorabile per chi compra anche tempo dopo l’acquisto.

Invece di coinvolgere la sfera olfattiva per finalità commerciali in modo diretto (E anche un po’ fine a se stesso), McCormick fa un salto di qualità: propone infotainment, una comunicazione che arricchisce il consumatore di informazioni e allo stesso tempo lo diverte e, dato che il tempo è denaro, alla fine dell’esperienza gli regala uno scontrino con un coupon con cui effettuare un nuovo acquisto risparmiando sul prezzo.

La missione di McCormick  è per stessa ammissione del direttore della corporate branding, Kathleen Haley, “salvare la gente dal cibo monotono”; con l’introduzione dell’esperienza touch e smell nei negozi World of Flavors i clienti sono al sicuro anche dal marketing monotono.

Clicca qui per guardare il video

Fonti: HP Computers Channel (Canale Youtube)